Progetti

CHAYN ITALIA

Faccio parte di Chayn Italia, una piattaforma che si occupa di contrasto alla violenza di genere e che co-crea progetti, campagne, training e strumenti, mettendo in relazione il settore antiviolenza con il settore tecnologico e di innovazione sociale. 

In Chayn mi occupo di:

Assistenza in ambito legale nella gestione e nella scrittura dei documenti ufficiali.

Mi sono occupata di:

Supporto alla ricerca qualitativa e attività di ricerca desk in relazione al progetto “DNCII”, che studia il fenomeno della diffusione non consensuale di immagini intime.

Collaborazione allo sviluppo progettuale di un Toolkit digitale (LINK).

Cos'è il Toolkit?

È una "cassetta degli attrezzi", una guida online su come affrontare la diffusione non consensuale di immagini intime (revenge porn).

Al suo interno: informazioni utili per comprendere meglio cos’è la DNCII e come agire nel legale (panoramica del reato e della procedura di denuncia), strumenti a cui ricorrere per salvaguardarti e alcuni consigli sull'autotutela digitale.

Le informazioni che troverai potranno esserti utili nel caso in cui una tua immagine sia stata diffusa senza il tuo consenso o per sostenere e supportare una persona a te vicina a cui è capitata la stessa esperienza. 

IL MIO ELABORATO

Ho conseguito un Master in Studi e Politiche di Genere, con una tesi intitolata: Diffusione non consensuale di materiale intimo, tra diritto di autodeterminazione e paternalismo legislativo.

Il mio elaborato si concentra sul rapporto tra il diritto di autodeterminazione e il paternalismo dello Stato, in relazione al reato di Diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti, di cui allart. 612-ter c.p., fenomeno comunemente conosciuto ed erroneamente chiamato revenge porn.
Dopo aver fornito una panoramica generale del reato, con un focus sulle problematiche testuali e interpretative della disposizione normativa, ho analizzato la causa di tali nodi problematici.

Ho analizzato i dati statistici e le cause alla base del fenomeno della diffusione non consensuale, nonché le conseguenze sulle persone che vivono tali violenze, mediante lo studio di casi pratici. Infine, ho tentato di fornire una panoramica su possibili strumenti legislativi, istituzionali e sociali per prevenire e contrastare il fenomeno, valorizzando il diritto all’autodeterminazione.

PARTECIPAZIONE A SEMINARI ACCADEMICI

Università degli Studi Roma Tre | Master in Studi e Politiche di Genere | Il reato di diffusione non consensuale di materiale intimo | invitata da Ilaria Boiano | 28/10/2022 | LINK

PODCAST

HUMN Podcast | Episodio 1: Sesso, violenza e consenso | 06/02/2022 | LINK 

Per altro materiale utile